Archivio | settembre, 2006

Lecce-Genoa 2-2

30 Set

Beh. Un bel pareggio, ottenuto in 10 uomini per una bella oretta. Poteva vincere chiunque, è stato un pari, va bene così. Abbiamo dimostrato carattere e determinazione, facendo la partita a larghi tratti. Siamo un po’ deboli sui calci piazzati, la difesa non sembra sapere che cosa deve fare. Ma in attacco abbiamo trovato geometrie valide.

Mancano due minuti alla fine della partita, ma il commento l’ho scritto un po’ in anticipo, tanto ormai non succede più nulla.

Annunci

il sondaggio

26 Set

Poche parole per annunciare il varo del sondaggio, qui, sulla colonna sinistra. Come da tradizione il quesito sarà particolarmente pregno di significati, spesso oscuri. Stavolta la domanda, letterlamente sulla bocca di tutti, è:

"Come cacchio si pronuncia CRISCITO?"

Votate!

Post in difesa dell’onore violato della mamma di Iachini

26 Set

striscioneCom’è che nessuno ha ancora commentato la partita di sabato? Cos’è questo lassismo? Vorrà dire che non lo farò neanch’io, e in questo post mi dedicherò alla tutela dell’onore della mamma di Iachini, allenatore del Piacenza, più volte chiamata in causa durante l’incontro di sabato al Ferraris.
Ecco come si sono svolti i fatti: alle quattro le squadre fanno il loro ingresso in campo, e all’apparizione dell’allenatore avversario alcuni sostenitori della squadra locale, circa diciassettemila, lo apostrofano con parole oltraggiose, accompagnate da gesti tipici delle persone prive di decoro, diti medi alzati, braccia spalancate in avanti coi palmi protesi all’ingiù in un movimento altalenante.
Non paghi di tale comportamento irriverente, gli stessi mascalzoni rivolgono i proprimproperi alla genitrice di Iachini, ricordando il suo stato di lavoratrice indipendente non iscritta all’albo e priva di partita IVA. Qualche fonte sostiene che Iachini abbia mormorato qualcosa a denti stretti, ma non ci sono testimonianze dirette.

Ora vorrei spendere qualche parola in difesa di questa povera signora. Ochei, ha messo al mondo un figlio come quello, ma che ci poteva fare lei? Come faceva a sapere che un giorno la sua creatura avrebbe causato tanti grattacapi alLa squadra di Genova?Me la immagino, nella sua casetta di Ascoli Piceno a consolare il figlio che la chiama dopo la partita

"Come dici? Ti fischiavano? Che gentaglia! E poi? Figlio di cosa?? A me?? Ma come si permettono? Vabbè, ma alla fine li avete battuti, vero? Noo?? Dopo due minuti solo?? Ma com’è possibile? No, neanch’io penso che ci fosse la punizione, sei mio figlio, non puoi farti fare gol su punizione dopo due minuti da uno che si chiama Adailtom.. Ilton, si, vabbè. E poi? Un altroo?? Su rigore, addirittura! E chi l’ha battuto? Di nuovo lui? Hai fatto bene a incazzarti, mi sarei incazzata anch’io! Di puttana, per giunta! E come fai a non incazzarti? E l’arbitro cos’ha detto? Ah certo, lui tifava per gli altri, si è fatto influenzare dal pubblico. E così ti sei fatto di nuovo cacciare.. Guarda, non so come sia andata, ma secondo me hai ragione tu. E io ho smesso di battere da dieci anni almeno!"

L’onestà doriana

21 Set

Ogni commento è superfluo…

MILANO, 21 settembre 2006 – Due mesi ciascuno di squalifica sono stati inflitti dalla Disciplinare ai giocatori all’attaccante della Sampdoria Francesco Flachi e l’ex blucerchiato, oggi all’Atalanta, Moris Carrozzieri, mentre la società è stata condannata per responsabilità oggettiva al pagamento di una sanzione di 20 mila euro complessivi. La vicenda riguarda il deferimento dei due giocatori, Flachi nell’ottobre 2005 e Carrozzieri lo scorso 8 agosto, per "aver tentato di acquisire notizie sull’esito", di partite di calcio diverse, "al fine di consentire a terze persone l’effettuazione di scommesse dall’esito sicuro".
"Dal materiale probatorio acquisito, costituito essenzialmente dalle conversazioni telefoniche intercettate e dalle dichiarazioni rese in sede giudiziaria e disciplinare dai soggetti coinvolti, emerge la prova che il Flachi ha posto consapevolmente in essere una condotta contraria ai doveri di lealtá, probità e correttezza", si legge nelle motivazioni della Disciplinare e che le stesse dichiarazioni di Carrozzieri all’Ufficio Indagini "dimostrano inequivocabilmente il ruolo attivo assunto dal tesserato nella vicenda in esame e l’intento di favorire, grazie alle proprie conoscenze e informazioni privilegiate, l’effettuazione di scommesse da parte di un soggetto terzo".
Flachi era stato deferito il 10 ottobre scorso per violazione dell’articolo 1 comma 1 del codice di giustizia sportiva, per aver "tentato di acquisire notizie sull’esito di una gara del massimo campionato calcistico al fine di consentire a terze persone l’effettuazione di scommesse dall’esito sicuro". Flachi aveva infatti telefonato, come da lui stesso riferito alla Procura della Repubblica di Genova, all’ex compagno di squadra Bazzani, all’epoca alla Lazio, e la Disciplinare nelle motivazioni ha affermato che "nella memoria integrativa del 4/9/06, la Sampdoria sottolinea come nessuna condotta sia stata contestata al proprio tesserato in relazione a gare che vedevano protagonista la società stessa, essendosi il presunto ‘sondaggio’ riferito esclusivamente alla gara Roma-Lazio". Analoga la violazione contestata a Carrozzieri, deferito per aver "tentato di acquisire notizie sull’esito di una gara del campionato di serie C1 (Pisa-Frosinone) al fine di consentire a terze persone l’effettuazione di scommesse dall’esito sicuro". Carrozzieri aveva telefonato a De Angelis del Frosinone.  (Dal sito della Gazzetta dello Sport)

Genoa – Salernitana: 5-0

20 Set

Apre la serata Nicola Caccia, che al 20′ del primo tempo beffa il portiere con un bel colpo di testa su cross di Tosto, ululati. Poi è la volta del solito Milito, venti minuti dopo si porta la palla fin dentro la rete.
Nel secondo tempo Scarpi para un rigore, e per far capire che proprio non è serata Zanini tira un missile e siamo a 3, Milito replica e poi esce. Al suo posto entra Makinwa, appena dentro chiede cosa deve fare, i compagni gli rispondono "fare gol", lui prende la palla e fa gol. Fine.

Si vede che non so perdere? Ma la partita non l’ho scelta a caso, perché quella stessa squadra nel girone di ritorno ce ne fece quattro, mi pare di ricordare che fu il peggior risultato del campionato.
Ora non è che voglio fare il tragico e dire che siamo rovinati, mi viene in mente uno juventino che incontro quando vado a prendere il caffè al baretto di Sarissola, ogni volta ha la faccia depressa e borbotta "siamo fottuti". Ma è vero che ci capito sempre quando alla Juve hanno sentenziato una retrocessione, o ha pareggiato la prima di campionato.
Ma non divaghiamo, dicevo che non voglio fare tragedie, una sconfitta ci sta, in trasferta poi ci sta anche meglio, e se ci mettiamo il fatto che si sono giocate due partite in tre giorni abbiamo ottenuto tutte le attenuanti possibili.
Però vaffanculo, almeno perdete giocando bene, contro una formazione agguerrita, non sbagliando ogni passaggio possibile, contro dei catenacciari che hanno fatto due tiri in tutta la partita! Se fosse stata una partita giocata alla playstation sarebbe stata Modena – Classic Genoa, dove per classic si intende la formazione tipica che sta in campo senza sapere perché. Evidentemente la vittoria in Coppa Italia contro i canarini (caanarinobbastaaardooo!) li ha convinti di avere già i tre punti in saccoccia, e hanno impostato la partita aspettando che la palla si mettesse in porta da sola.
Perlomeno di quest’idea doveva essere Adailton, che ieri è stato inesistente, o Fabiano, che dopo il tiro in porta all’inizio è andato a farsi la doccia, o Juric, che ha fatto entrare il suo fratello gemello. Zeytulaev no, lui è entrato per giocare, ma finora nessuno gli ha spiegato come si fa.

Vabbè, non fasciamoci la testa, dice bene Bruno (piacere, Pablo) che non dobbiamo fare i soliti genoani, quindi mi asterrò dal lamentarmi che io l’avevo detto che questo allenatore non va bene e il trequattrotre è un modulo pericoloso perché dietro non abbiamo dei difensori in gamba e questo presidente ha venduto Paci ma dico Paci e ha tenuto Criscito che è un ragazzino e poi ieri sera non l’ha fatto neanche giocare e ha messo Juric a destra no a sinistra ma tanto è uguale quello lì è uno slavotestadicazzo come Lazetic ah se ci fosse ancora Lazetic lui si che correva qui l’unico che corre è Rossi son tre anni che corre e pensare che Cosmi non lo faceva mai giocare però Cosmi ci ha fatto vincere il campionato e il presidente l’ha mandato via ha mandato via anche Milito e anche Vavassori e se adesso al posto di Criscito Aurelio e Botta ci avessimo messo Vavassori Milito e Cosmi e Lazetic giocavamo in dodici e vincevamo sicuro.

Doveva succedere!

20 Set

Beh, prima o poi dovevamo perdere : meglio una sconfitta in trasferta ad inizio campionato che in un momento decisivo del girone di ritorno.

Non cadiamo nella solita depressione genoana e guardiamo il bicchiere mezzo pieno, non abbiamo giocato malissimo, abbiamo creato più palle gol, mancava Greco, Figueroa non è ancora pronto, abbiamo avuto sfiga e hanno tentato di ucciderci il portiere.

Fra l’altro quello Sforzini è un bel pezzo di merda, entrare col ginocchio così alto significa far male se impatti con qualche avversario : probabilmente non voleva ferirlo così gravemente, ma almeno un’ammonizione per gioco pericoloso ci poteva stare.

Tutti a tifare contro il Piacenza, con cui abbiamo un conto aperto!

Bruno.

Il Programma

18 Set

Ne parlavamo in gradinata con Spassky, e ho visto che lui ne ha già fatto cenno nel post precedente. La novità di quest’anno è il "Match Program" all’inglese. Ossia un fascicoletto, stampato in modo eccellente, che riassume formazioni, calendari, precedenti e curiosità riguardanti le squadre in campo.

In Inghilterra il programma è un’istituzione da decenni, forse secoli. I tifosi li collezionano religiosamente. C’è da dire che qui non è stato pubblicizzato in modo adeguato, almeno dal lato gradinata Nord. Io l’ho scoperto per caso, mentre mi facevo una (lenta) coda ai tornelli, c’era uno scatolone aperto cagato sotto alla ringhiera. Non una presentazione in grande stile, ammettiamolo.

Oltre alle notiziuole a cui accennavo prima, in penultima pagina c’è una meravigliosa scheda da compilare a mano, in cui inserire tutti i dati salienti della partita: marcatori, formazioni, ammoniti… roba così.

Io non so com’è la tradizione in Inghilterra, ma se si aspettano che qualche persona sana di mente si metta a segnare minuto per minuto i falli subiti, i calci d’angolo e i fuorigioco, invece che guardare la partita, beh, secondo me rimarranno delusi. Col Genoa, figurati, stiamo scherzando? A parte che probabilmente se un poliziotto ti fruga e ti trova indosso una penna o una matita, con le leggi attuali, rischi il carcere per porto di arma non registrata, e forse pure tentata strage.
Ma poi chi ci riuscirebbe ad essere così lucido da tenere conto dei fuorigioco commessi dal Rimini?

Comunque sono contento che oltre al classico "Noi Genoani" abbiano deciso di darci qualcos’altro da leggere aspettando la partita. Non credo che mi metterò a collezionare i Match Program, ma una letta ce la darò sempre volentieri.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: