Genoa-Frosinone: 3-2

17 Dic

Una partita schizofrenica ieri a Marassi, di quelle che vanno ad alimentare le statistiche di morti per attacco cardiaco. Inizia a un ritmo incredibile, tutto a nostro favore, meno di un minuto e Tavares la mette dentro, altri dieci e arriva il raddoppio di Criscito, gradinata in festa, tutto sistemato, siamo tornati la squadra delle meraviglie, possiamo rilassarci e giocare col telefonino, tanto finirà quattro o cinque a zero.
Sono lì che faccio progetti di trasferte europee col dottor Hardla quando Barasso lascia passare il tiro più telefonato del mondo, e la distanza si dimezza.
Belin ma ci hanno fatto gol!
Seiminutisei, la seconda volta che un nostro giocatore si sdraia in area il portiere decide che va bene, il rigore ci sta, e Greco fa qualcosa di utile. Due considerazioni: la prima, il primo rigore chiesto a gran voce da tutto lo stadio secondo me non c’era; la seconda, Greco non combina più un belino.

Ma eravamo sul tre a uno, giusto? Ci siamo rimessi a fare quello che chiunque in gradinata farebbe con due gol di scarto, ci siamo messi a fantasticare su quanto sarà bello giocare in serie A e battersi per la Champions League.
Sette minuti e siamo da capo, Barasso ha rotto il casso e si è fatto infilare il secondo pallone sotto le gambe.

La partita è praticamente tutta qui, il secondo tempo è stato da film dell’orrore, tutta la squadra chiusa davanti alla porta ad aspettare gli avversari che venivano giù assolutamente padroni del campo. Oggi leggo sui giornali che vabbè, non hanno creato nessun’azione pericolosa, il secondo tempo ha visto solo tentativi del Genoa di andare a gol, si sono tenuti sulla difensiva e hanno amministrato il vantaggio.
Ma vaffanculo, dovevate esserci voi ieri in gradinata, a vedere undici statuette del presepe che si facevano passare palloni da tutte le parti, e li fermavano sempre troppo vicini alla porta da farci perdere il controllo dello sfintere a noi che assistevamo. Sono uscito dallo stadio coi capelli bianchi, e avevo visto il Frosinone, non il Real Madrid! Non dico che doveva finire otto a due, ma non mi è sembrata una squadra così difficile da tenere a bada, e chiudersi così in difesa l’ho trovato eccessivo, oltre che letale per i miei nervi.

Comunque via, abbiamo vinto, siamo terzi, martedì sera la Triestina mi preoccupa più per scaramanzia che per reale timore, spero che la Juve pareggi tutte le prossime partite da qui alla fine del campionato, forza Genoa e ciao a tutti.

Annunci

4 Risposte to “Genoa-Frosinone: 3-2”

  1. Dedee dicembre 17, 2006 a 11:43 pm #

    dai, per la finale di coppa intercontinentale, ci vediamo tutti a tokyo che e’ a sole 12 ore di aereo da qui, ok?

  2. Grifonina dicembre 18, 2006 a 9:39 am #

    ..Dobbiamo sempre soffrire fino all’ultimo! Quel fischio finale è stato una liberazione! 🙂

  3. ipitagorici dicembre 18, 2006 a 11:42 am #

    è andata bene dai.
    Peccato che ogni tiro del belino che prendiamo è sempre SEMPRE gol.
    Speriamo in un risultato positivo a Trieste.

  4. fresa85 dicembre 19, 2006 a 3:33 pm #

    ma secondo voi se ci metto il mio cane al posto di barasso, magari giocando uno dei 2 tiri in porta lo para?
    no così…per dire…è che ogni volta mi faccio del nervoso che è paragonabile a quello che mi faccio in ufficio il che è grave!
    Va beh abbiamo vinto, l’importante è quello, ora vediamo che succede stasera!speremmu ben e sempre forza Genoa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: