Ciao ciao Gian Piero

8 Nov

Una notizia del genere merita di sconvolgere il torpore di Nube, almeno per un post.

GasperiniGasperini esonerato, notiziona bomba che francamente non m'aspettavo, non così presto. E' da inizio stagione che i rapporti tra allenatore e presidente proprio non andavano: troppe dichiarazioni critiche a mezzo stampa, troppe conferme di stima e rispetto reciproci. Era chiaro che qualcosa prima o poi sarebbe successo, e che solo una serie di risultati "importanti" (parola carissima a Gasp, la usa in luogo di qualsiasi aggettivo che denoti una connotazione positiva "Abbiamo fatto una partita importante", "Zeytulaev è un giocatore importante", "Oggi ho mangiato una pasta con le cotiche davvero importante", chiusa parentesi), avrebbe potuto far ricomporre il rapporto che effettivamente sembrava logoro, almeno a leggere i giornali.

Anche gli anni scorsi non erano certo mancate critiche di Gasp all'operato del Preziosi uomo mercato, e le puntuali risposte di quest'ultimo, ma sembrava più una normale dialettica tra due persone importanti (cazzo, ora non riesco a togliermelo più), e comunque i risultati davano ragione ad entrambi.

Ora che tutti hanno torto, l'allenatore deve saltare. E' la logica del calcio, dal momento che il presidente non può certo andarsene via, e far fuori tutta una squadra (dopo essersi svenati per costruirla in estate) è un po' complicato, soprattutto a novembre, e allora quello che deve saltare è l'allenatore.

Anche se si chiama Gian Piero Gasperini da Grugliasco, anche se è l'allenatore che mi ha fatto vedere il più bel Genoa della mia vita, anche se tutti gli vogliamo bene e credo lui ne voglia a noi.

Col senno del prima, e quindi praticamente nullo, si può pensare che forse questi anni meritavano una fine più simpatica, un addio che fosse gradito a tutti, dopo aver provato a sistemare ancora una volta le cose in corso d'opera, provare a resistere fino alla fine della stagione e tirare le somme. Ma visto che io non ci metto i soldi è anche giusto che non sia io a decidere come e quando lasciare a casa l'allenatore.

Anche se l'allenatore in questione si chiama Gian Piero Gasperini da Grugliasco, un allenatore davvero importante per il Genoa.

Annunci

15 Risposte to “Ciao ciao Gian Piero”

  1. mudcrutch novembre 8, 2010 a 5:27 pm #

    Se non lo avessi fatto tu, entro la fine della giornata, avrei scritto qualcosa io.

    Probabilmente questa era in ogni caso la sua ultima stagione e benché entrambi (tu ed io) siamo quelli del contratto ventennale per Gasperini, i due non andavano più d'accordo ormai su troppe cose.
    Detto questo provo ad interpretare la situazione, si sarebbe potuto finire il campionato e poi salutarlo in modo trionfale, questo però se il fondo della classifica non si fosse avvicinato così tanto e se contemporaneamente il gioco non fosse peggiorato così tanto.

    Gasperini ci ha fatto vedere il miglior Genoa della nostra vita, ma qual'è stato l'utltimo ciclo di partite giocate in modo spumeggiante. Io quest'anno ogni volta andavo allo stadio pensando questa sarà la partita della svolta, in cui si gioca in velocità, si anticipano gli avversari e e si prende d'assedio la porta, invece erano spesso gli avversari a sorprenderci in velocità e ad anticiparci. Io forse avrei aspettato ancora qualche partita nella speranza della "svolta", forse Preziosi non aveva più voglia di aspettare.
    Quindi Ballardini per partite brutte ma utili, con due attaccanti davanti per evitare il Toni da solo nel deserto e quattro difensori per non rischiare troppo, poi da giugno si vedrà…

  2. Secchin novembre 8, 2010 a 6:42 pm #

    Tante volte Gasperini sembrava che cambiasse la formazione di proposito per dimostrare che era il suo gioco ad essere vincente e non i singoli giocatori (Milito a parte era anche vero probabilmente..)
    Ora mi sa che Preziosi (una primadonna gelosona, però gli voglio bene) ha fatto qualcosa di simile e si è ripreso il "suo" Genoa e 3 punti col Bologna e il rientro degli infortunati potrebbe anche dargli ragione, non sarebbe così improbabile.. Era il momento migliore sulla carta per l'esonero.

    Quello che mi lascia perplesso è la scelta di Ballardini. Mi sa un po' del primo che passava per strada.. è anche per un milione e mezzo di euro a libro paga di Lotito al quale facciamo un bel favore, mah!

    Poi ovvio il dispiacere per il Gasp che non si meritava proprio un epilogo così.. ma poco tempo e ne sentiremo di nuovo parlare..
    Non penso che rimarrà a spasso a lungo.

    Se legge Nube.. grazie di cuore Mister per tutte le volte che ci ha fatto dire "spetacolo!"  🙂
     

  3. Secchin novembre 8, 2010 a 6:45 pm #

    Spettacolo con due t !
    Altrimenti passo per ingrato.. 

  4. Dedee novembre 9, 2010 a 2:48 am #

    Già peccato sia finita e peccato sia finita così, come si trattasse di un Radice o di un Marchioro che non arriva al panettone, sarebbe stato forse meglio lasciarlo andare alla Juve a fine della stagione scorsa, ma oramai è andata.
    Ciao Gasp

  5. mudcrutch novembre 9, 2010 a 9:02 am #

    Secchin: secondo me è da un po' che teneva d'occhio Ballardini, forse già da questa estate, quindi non è proprio il primo che passava. Il problema di Ballardini è che fa bene quando subentra, ma non quando inizia, quindi non è l'allenatore con cui iniziare un ciclo. Ma forse lo sa anche Preziosi visto che gli ha fatto solo un anno di contratto e magari sta tenendo d'occhio qualche allenatore di B con cui pensa di riniziare da capo.

    Dedee: è anche il rammarico di Preziosi, dopo quello che c'è stato, un commiato con onore la scorsa estate sarebbe stata la cosa migliore. Ma ha ragionato da tifoso e lo ha tenuto. Infatti ora tutti i tifosi sono in lutto.

  6. hardla novembre 9, 2010 a 11:53 am #

    sì, anche io ho l'impressione che Ballardini sia "in prova", e che serva come traghettatore verso la prossima stagione, cercando di rivalutare gli investimenti fatti e che al momento non hanno reso, per un milione di motivi. poi se arriveranno anche dei risultati ci sarà la riconferma (la famosa clausola segreta sul suo contratto)

    ho letto da qualche parte di un nervosismo sempre crescente di Gasperini, negli ultimi tempi, un'insofferenza verso l'ambiente e la dirigenza. dirigenza che certamente non stava in silenzio a guardare. credo che già da luglio ci si potesse aspettare un epilogo di questo tipo, anche se già in passato la situazione s'era ricomposta, ma quest'anno mi sembrava diverso. troppa tensione, pochi risultati, e gli infortuni non hanno certo aiutato.

    insomma, il ciclo sembrava finito, per tutti. forse si poteva farlo finire in estate, sarebbe stato meglio per tutti, ma credo che anche preziosi sperasse che una volta in campo, la squadra avrebbe riconciliato tutti con gioco e risultati. che però non sono mai arrivati…

  7. anonimo novembre 9, 2010 a 11:47 pm #

    e poi non dimentichiamoci che Ballardini è aziendalista mica come quel caprone di Gasperini! Lui si che sa leccare il culo a chi di dovere… Indovinate chi sono??

  8. anonimo novembre 11, 2010 a 1:02 pm #

    Non puoi essere Gasperini perché quello sono io. Come minimo sei White.

  9. ipitagorici novembre 13, 2010 a 2:15 pm #

    Il suo ciclo era finito a Giugno 2010, si doveva cambiare lì l'allenatore, comunque non mi dispiace Ballardini, quest'anno abbiamo visto 4000 cambiamenti di ruolo a partita in corso, non mi strappo le vesti per l'addio di Gasperini.

    Alla Juve l'anno scorso non è andato perchè non lo volevamo, Preziosi sarebbe stato ben lieto di monetizzare l'addio dell'allenatore.

    Comunque grazie per la promozione e i primi 2 anni di A.

  10. anonimo dicembre 21, 2010 a 8:41 am #

    Salve, sono un estimatore di mister Gasperini e desidero inviargli un'email, è possibile avere il suo indirizzo di posta elettronica?

  11. anonimo dicembre 21, 2010 a 8:51 am #

    Gasperini non lo si può trattare così, dopo aver visto giocare il suo Genoa con un calcio spumeggiante e valorizzato i precari che diventavano leader.Semmai sono state le scelte della società,un pò troppo avventate, a cui si sono imposti nomi altisonanti  come luca toni, che sono l'anticalcio per eccellenza, cioè quegli idoli che vanno bene per i tifosi, ma che creano qualche problema per gli allenatori come Gasperini che predica un calcio totale.

  12. mudcrutch settembre 21, 2011 a 3:15 pm #

    E sono già due esoneri in un anno e fino a fine stagione non potrà più allenare in Italia. Poi qualcuno dice che l'anno prossimo sostituirà Atzori…

    All'inter non si potrà dire di no, ma andare in quella società incasinata e che lo ha scelto come ripiego, dopo aver ricevuto rifiuti anche da Oronzo Canà e che vedevano tutti che è in piena isteria collettiva (vendiamo Et'o, no vendiamo Snejder, no allora via Et'o). Mah!

  13. FrySimpson settembre 21, 2011 a 3:37 pm #

    Son palanche. Se mi chiamano, ci vado.

    Ho fatto figure peggiori per molto meno…

  14. mudcrutch settembre 21, 2011 a 4:46 pm #

    Il tuo discorso è valido in generale per noi schiavi dell'informatica o anche per altri allenatori tipo Cavasin, però secondo me non per Gasperini, che ha fatto capire da molto tempo di avere l'ambizione di allenare una grande, possibilmente per un po' di tempo e vincendo anche qualcosa.
    Andare all'inter quest'estate in quel bailamme societario e come settima scelta, tra l'altro neanche tanto convinta, da parte di Moratti, significava un rischio altissimo di esonero se non vinceva subito.
    Adesso che si è "bruciato", per qualche anno le cosiddette grandi se le sogna e gli tocca tornare a qualche piccola e rifarsi una fama.

  15. hardla settembre 30, 2011 a 3:17 pm #

    Con l'inter gli è andato tutto storto. Tutto il contrario della partenza che l'ha consolidato sulla nostra panchina. Paradossalmente c'era più scetticismo quando è arrivato da noi, partiva da una condizione meno favorevole, anche perché all'epoca era un signor nessuno.
    E la squadra l'ha seguito da subito, due vittorie alla grande in coppa con spezia e fiorentina e già ad agosto eravamo tutti suoi fan.

    All'inter non ha trovato nessuno disposto a seguirlo, e forse anche il suo atteggiamento non era giusto come quello adottato al genoa. Era sfiduciato dallo stesso presidente ancora prima di mettere il culo sulla panchina. Moratti ha gestito la cosa in modo pessimo, anche perché è inutile chiamare un tecnico famoso per il suo modulo 343 per poi fargli fare la difesa a 4. E dal momento che lui non ha voluto l'allenatore, i giocatori si sono sentiti in diritto di non seguirlo.

    Gasperini ha il suo caratterino, e spero per lui che da questa batosta ne riceva preziosi insegnamenti. Credo che non abbia le colpe di questa situazione, ma che fosse l'unico che poteva pagare. E visto che l'uomo mi è molto simpatico ho sperato che potesse fare il miracolo. Ora spererò che possa risollevarsi alla grande, per tornare magari qui da noi, un giorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: