Archive by Author
Immagine

Nuove nubi

25 Gen

20120125-191731.jpg

Nube è morta, viva nube.

Mercato tutto l’anno

30 Set

E ora basta. Pure io che non seguo più tanto il calcio mi sono accorto di un fenomeno davvero fastidioso. Non è possibile che un Jorquera, che ha giocato con noi un paio di partite sia già uomo mercato. Mi sono rotto i coglioni. Arriva uno che fa due belle partite e sulla stampa leggi: Il Milan su Jorquera! Quotazione salita da 2,5 a 10 milioni!

Eccheccazzo. Non fai in tempo a sorprenderti favorevolmente per un buon acquisto che già te lo danno per venduto. L'anno scorso è arrivato Kucka, ed era già in partenza. Quest'anno Constant, poi Jorquera, e sembrano già prenotati. Per non parlare di Boateng, Ranocchia, Bonucci, El Shaarawy. Meno male che Palacio è rimasto, ma si può per favore evitare lo stillicidio di nomi?

Che la società decida di vendere 1-2 giocatori buoni all'anno per finanziarsi è lecito, è una buona politica. Ma che tutti i giocatori della rosa, perfino quelli che non sono ancora arrivati perché parcheggiati altrove, siano sempre sul punto di andare alla grande di turno, beh, mi fa girare i coglioni.

Vorrei poter pensare che un buon giocatore rimarrà almeno un paio d'anni prima di essere ceduto. E vorrei che la stampa non mi pompasse così tanto un giocatore che poi non vedrò mai giocare con la nostra casacca. Ma forse la mia è la nostalgia per un calcio che non ha più senso.

il botto!

23 Ago

epperò, grandi nomi:
il botto!mica Pizza e Fichi!
 

Scambio Viviano-Kucka

12 Ago

Se confermato ci sarebbe uno scambio di comproprietà, che si concretizzerà a febbraio quando Kucka andrà all'inter e da noi arriverà Viviano reduce da sei mesi di infortuno, che farà direttamente Milano-Lavagna, dove alloggerà ancora per un mesetto al Centro Riattiva.
Questo non considerando che abbiamo appena comprato il nostro portiere titolare e gli abbiamo fatto un contratto di 5 (cinque) anni.

Ripeto, se confermato, non siamo all'assurdo ma direttamente al delirio: ci togliamo una pedina fondamentale del centro campo che è l'unico reparto che è al momento completo e piuttosto forte, per comprarci un doppione che non schiereremo mai, ma sarà solo "carne da plusvalenza"
Penso che il prossimo inverno dedicherò le domeniche pomeriggio al punto croce.

Non vedo l'ora di andare in vacanza soprattutto perchè saranno 12 giorni in cui leggerò solo guide turistiche e giornali stranieri.

se li ripescassero….

28 Lug

… derby alla seconda di campionato…
calendario

Vidi O’mar quant’è bello

25 Lug

che il mercato lo facciano un centinaio di tifosi, è una cazzata.
che forse lo si sarebbe dovuto cedere comunque, è aperto a speculazioni.

entusiasmo!

17 Lug

a parte la doverosa toccata di palle, ma, dopo aver letto questo:
Poi il tecnico aggiunge: «Adesso ho l’occasione per tornare a lottare nella parte sinistra della classifica. Sono l’allenatore più titolato della prossima serie A, felice per il Genoa… Certo non possiamo vincere lo scudetto, ma spero di ottenere grandi risultati»
qualcuno mi spiega che cazzo ha vinto Malesani per essere l'allenatore più titolato? Perché io sarò pure distratto, ma guardando pure su uichipeddia, oltre ad una promozione dalla C1, non ho trovato proprio niente….

Una belinata a testa

3 Lug

Enrico Preziosi: quest'anno non ci saranno rivoluzioni e confermerò quasi interamente la formazione del campionato scorso, con solo qualche piccolo aggiustamento.

Io: ho già rinnovato l'abbonamento perchè sono entuasiasta del mercato estivo.

Calciomercato estivo

11 Giu

Il momento che odio di più.

la tifoseria organizzata

22 Mag

quest'anno, dopo anni sono tornato allo stadio. Genoa – Inter. Partita di cartello, ma "grazie" alle norme contro il teppismo riesco ad avere un biglietto di nord. Una cosa che qualche anno prima non sarebbe esistita. L'ultima partita che avevo visto era stata un Cittadella-Genoa 1-1 [1]. Trasfertona dal Trimone, Pablo e Hardla in macchina da Genova, io in aereo fino a Bologna, poi in macchina fino a Stradella.
Dopo anni sono inizialmente intimorito dai controlli anti-terrorismo, entrare in un aeroporto americano indossando un turbante in testa e' piu' semplice che entrare in Nord. Ti scrutano come fosti bin laden, da vivo. La cosa mi da particolarmente fastidio, ma penso si tratti dei soliti esagerati ai controlli. Invece no, i controlli sono piu' che mai necessari. Lo stadio sembra Bengasi, cancelli alti, inferriate, muri fatiscenti, cessi distrutti [2] e via dicendo. Si va al piano di sopra, un misto di cabala e di spirito di sopravvivenza.
Regna una tensione incredibile, i cori esprimono l'odio verso Milano, verso gli arbitri, verso la Lega (Calcio) e via discorrendo. Anche se non sei particolarmente incazzato, ti incazzi, ti fanno incazzare, ogni errore di un calciatore e' un dramma [3], una bestemmia, una congiura di palazzo. Persino la scelta di campo viene vista come uno sgarro dei giocatori dell'Inter nei confronti della Nord.
Tra i vicini regna la tensione. Non ci sono tifosi avversari intorno a noi. I tifosi della squadra ospite sono in una gabbia, come le bestie, forse perche' sono bestie. Gli si insulta. Ci insultano. 
Quelli del piano di sotto incitano tutto lo stadio a cantare o a starsene a casa. L'unica nota positiva sono le voci bianche della zona riservata ai bambini. Perche' i bambini sono in una zona protetta, perche' allo stadio bisogna proteggerli, bisogna segregarli.
La tifoseria organizzata impone il proprio pensiero unico unificato conforme a tutti, se non odi un certo giocatore, se non ne ami un'altro, a prescindere, sei un coglione e se non stai attendo ti prendi pure un pattone [4]
Lo stadio e' come un carcere, invece di redimere, imbruttisce, entri ben disposto a guardare una partita di calcio, esci incazzato, pieno di risentimento, di odio, uniformato. E il risultato sul campo non conta niente, perche' lo spettacolo (nel bene e nel male) sono loro, i tifosi, il dodicesimo uomo in campo, che ti dicono come ti devi sentire, come devi pensare, come devi odiare.

Questo non e' piu' il mio stadio, questo non e' piu' il mio passatempo.
A non rivederci.

[1] Per chi non lo sapesse, la scelta di vita, e' che vivo all'estero
[2] I rubinetti gli anno tirati in campo da tempo
[3] Soprattutto Eduardo, che regala la partita agli ospiti con una papera d'antologia.
[4] Notasi la rima baciata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: