Archivio | cronache RSS feed for this section

Atalanta 0 – Genoa 1

25 Nov

Prosegue inarrestabile la marcia del Grifone che passa anche a Bergano, una rete del centromediano Bertolacci affonda l’Atalanta.

Lo strano derby di ritorno

11 Mag

Comincia con una corsa il derby dell'8 maggio, quello più atteso dalla città, che potrebbe mettere una grossa pietra sulla permanenza nella massima serie della seconda squadra di Genova. La corsa è la mia, che ho perso il pullman e mi fiondo a prendere la macchina, che il tempo non è che abbondi, e di solito la gradinata si riempie con largo anticipo.

Per l'occasione ha garantito la presenza anche il Dottor Hardla, uno dei più grossi latitanti della tifoseria rossoblù, e già questo sarebbe un evento da ricordare.

Ai tornelli i pezzi grossi dell'Ottavio Barbieri stanno facendo selezione all'ingresso come nelle discoteche: tu hai l'abbonamento, vai di là, tu hai pagato il biglietto, passa di là, tu sei un mio amico e vuoi entrare a scrocco, vieni di qua. Mi rendo sempre più conto di quanto sia cretino spendere più di duecento euro per un abbonamento di gradinata, i miei dubbi su un eventuale rinnovo si fanno sempre più insistenti.

Sugli spalti raccolgo un volantino firmato “Quelli che ci sono sempre” che invita i più anziani e quelli che non hanno voglia di cantare a cedere l'abbonamento a giovani più motivati, perché la Nord torni ad essere quello spettacolo di coreografia che tutti ci ricordiamo. Vorrei avere una penna in tasca per rispondere che i primi a doversene andare sono proprio loro, e firmarla “Quelli che l'abbonamento se lo pagano”. Cominciamo male, guarda.

Ma entrano le squadre, viene tirato su un telo a coprire tutta la gradinata, dev'essere un bello spettacolo a vederlo dall'altra parte, ma anche la Sud si è data da fare, una coreografia cangiante con bandierine colorate e volantini, è un bello spettacolo, una volta tanto.

La partita comincia nervosa, la squadra (sempre) ospite è molto più agguerrita, come è normale quando hai a disposizione un solo risultato, i nostri sono piuttosto fallosi, soprattutto Rossi è molto carico, reagisce ai contrasti, polemizza con l'arbitro.
Forse i timori di una torta hanno contagiato la squadra oltre che la città, il sindaco si è espresso con l'augurio di un gesto di solidarietà fra cugini, una frase infelice che ha innervosito un ambiente che non ne aveva proprio alcun bisogno.

C'è distrazione nella compagine rossoblù, ad un certo punto Biabiany infila la palla fra le gambe di Dainelli e se ne va a spasso per l'area di rigore senza che nessuno provi a fermarlo, se ne stanno lì impietriti a guardarlo partire, poi uno dei difensori fa: “Oh, guarda, prendilo un po'” e l'altro allunga un piede e gli leva il pallone, che Biabiany non è proprio un mostro di bravura. In gradinata ci guardiamo fra di noi, perplessi.

Nel recupero si alzano i cori e, ahinoi, le bandiere. Un grosso tizio con un grosso grosso vessillo comincia a sventolare proprio fra me e la porta, ed è esattamente il momento in cui viene battuto il calcio d'angolo che Floro Flores butta in rete di testa. Stadio in tripudio, io no.

Secondo tempo, pochi istanti dopo il fischio d'inizio la Nord si riempie di fumo, un'altra brillante iniziativa della tifoseria organizzata, e la partita viene sospesa. E poi siamo noi che dovremmo andarcene dalla gradinata.

Insieme al fumo va via anche la grinta delle squadre, se mai ci fosse stata. Col passare del tempo le formazioni si fanno sempre più contratte, il gioco sempre più approssimativo, sembra che il Genoa non abbia più voglia di correre, lascia alla squadra avversaria ogni iniziativa, si limita a contrastare poco e male, e alla fine perde palla con una frequenza che sembra sempre più sospetta.

Il gol del pareggio è il trionfo della banalità, un calcio da metà campo di Palombo, una respinta incerta del portiere e il rinvio in rete di Pozzi, ma anche prima abbiamo assistito a galoppate sulla fascia di giocatori che non sono certo dei siluri, e nessuno che abbia cercato di fermarli. Qualcuno comincia a snocciolare ricette di dolci, torta di mele, torta di fragole, torta margherita, biscottone e ciambella. Dopo il pareggio non cambia il ritmo, entrambe le squadre si limitano a passarsi la palla evitando ogni possibile iniziativa, e dalla gradinata partono i primi cori incazzati. “Il derby non si regala” è il più gettonato, ma anche “Buffoni” sembra piacere parecchio.

Cominciano i cambi, scoppia un tafferuglio in campo fra Rossi e un altro, ma a farne le spese è Mesto, intervenuto per dividerli. La Nord è incazzata nera, aspetta il fischio dell'arbitro per sputare addosso ai giocatori tutto il suo sdegno, ma alla fine dei sei minuti di recupero succede qualcosa che nessuno si aspettava. Nessuno, non il presidente, non l'allenatore, di certo non i tifosi. Boselli si gira, si libera di un difensore come avrebbe fatto Milito e la butta nell'angolo in basso a destra. Due a uno, Samp nella merda, tifosi su più strati. Di colpo ci si dimentica dei sospetti, tutti cantano, i giocatori corrono sotto la Nord a festeggiare, tranne Milanetto e Criscito, che si portano il dito davanti al naso, ci fanno segno di tacere. Milanetto va anche oltre, come si leggerà poi sui giornali.

Comunque sugli spalti è festa, in campo anche, ma meno, la squadra non esce a salutare, va a farsi la doccia palesando il suo fastidio. I tifosi sono troppo impegnati a cantare la hit del momento per farci caso, e comunque un centinaio di loro va ad aspettare la squadra all'uscita dello stadio per applaudirli, e ribadire che in ogni caso “Non lo sapeva! Boselli non lo sapeva! Non lo sapeeevaaa! Boselli non lo sapeeevaaa!”.

E basta, alla fine non lo sapremo mai se sia stata una torta riuscita male o se fossero veramente tutti così grammi da non riuscire a mostrare che cinque minuti di buon calcio, quel che resta a distanza di un paio di giorni sono il gol capolavoro di Mauro Boselli e la scomparsa quasi totale di tifosi doriani. Non ne vedi più per strada, non li trovi su internet, si sono volatilizzati quasi tutti, resistono i soliti duri e puri che ostentano indifferenza e giurano di tornare più forti di prima e di farcela pagare e si vabbè, intanto l'anno prossimo noi si tifa tutti Gubbio.

Ritorno alla vittoria !

30 Gen

Il Genoa torna alla vittoria dopo quasi due mesi (quasi tre dall'ultimo successo casalingo) e si porta ad una distanza di sicurezza dalla zona retrocessione (non si sa mai).

Konko sfoggia una buona prestazione, un ritorno azzeccato, tanto dinamismo e discreta qualità. Ottima prova anche degli altri "K", Kaladze in gol e Kucka davvero convincente sia in interdizione che in impostazione. Palacio segna il suo decimo gol, di cui ben 4 proprio al Parma.

Ballardini potrebbe anche fare i cambi prima !

Il ritorno dei morti viventi

25 Nov

Da un certo punto di vista la partita contro il Livorno poteva intitolarsi come questo post, oppure A Volte Ritornano, ma visto il risultato direi che tirare in ballo gli zombi è più corretto. Un ex presidente in tribuna, un ex allenatore in panchina, un ex giocatore in campo, e sono sicuro che da qualche parte nel mondo Dante Lopez ed Eloi stavano commentando la partita per una televisione sconosciuta. E come volevi intitolarla, La Rivincita Dei Nerds? Che poi, visto l’aspetto di Cosmi negli ultimi tempi ci starebbe bene anche Teenage Mutant Ninja Turtles, ma non siamo qui per far polemica. E se volete la verità neanche per lamentarci, che io ce l’avrei anche pensato apposta l’accostamento titolo-qualunque giocatore vi venga in mente, ma alla fine perché? Perché la difesa sta in campo a far vetrina e l’attacco non scende neanche sul terreno di gioco e fa entrare delle controfigure? No, perché secondo me qualcosa in più l’ha fatto vedere anche Floccari, e poi se il centrocampo non butta una palla là davanti non è che possano fare miracoli anche loro..
Diciamo che vista la formazione ampiamente inventata ci stava anche perdere, e poi lo sappiamo che con le ultime in classifica tre punti li regaliamo quasi sempre.
E allora cosa scrivi a fare, mi chiederete? Ma niente, è che passavo di qui e lo trovavo sempre abbandonato, e mi spiaceva, e poi le sto provando tutte per non pensare alla partita di sabato..

Una squadra nella quale abbiamo sempre creduto

29 Ott

Genova, dal nostro inviato Dedee

Strabiliante vittoria dei Grifoni al Luigi Ferraris contro una coriacia compagine gigliata.

Prima di soffermarci sulla mera cronaca di un successo quanto mai meritato, vogliamo cogliere l’occasine per ricordare come da queste pagine si sia sempre sostenuta la squadra e mai si sia innalzata una critica all’operato della dirigenza, dell’allenatore o dei giuocatori, un’attività che volentieri lasciamo ad altri blocchi o ad altre testate giornalistiche.

Veniamo dunque alla prestazione dell’undici in casacca rossoblù. La formazione mandata in campo dal tecnico Gasperini, e guidata a bordo campo dall’assistente Caneo per via della squalifica, una ha dovuto fare a meno di alcuni titolari ed ha visto una difesa schierata a quattro, con l’ellenico Sokratis e Rossi laterali e Biava e Bocchetti solidi mastini centrali di fornte ad Amelia; centrocampo con Milanetto, l’iberico Zapater e Modesto; tridente d’attacco con Palladino, Crespo e Sculli.

Prima frazione di gioco all’insegna della tattica, con poche occasioni da parte degli ospiti e grifoni che si limitano a contenere lo sterile avversario, fino ai minuti finali del primo tempo, quando prima Palladino devia una punizione Zapater, poi Crespo e Modesto mettono in apprensione l’estremo viola. È il preludio alla rete, che giunge in maniera spettaccolare ad opera di Palladino che, spalle alla porta trafigge di tacco l’allibito Frey.

Le squadre vanno sul riposo tra gli applausi del pubblico di casa.

La ripresa si apre all’insegna dei fuochi artificiali, tra occasioni sia per i padroni di casa sia per gli ospiti, falli e nervosismo; fino al pareggio dei gigliati, che colgono i difensori rossoblù, fino ad allora impeccabili, leggermente distratti. Poco male, i grifoni, incitati dall’ottimo pubblico e dall’ex Caneo in pachina, si rifanno sotto ed assediano gli ospiti nella loro area di rigore, passano pochi minuti e il neo entrato Palacio scaglia un dardo in area, sul quale si avventa come un avvoltoio Mesto che insacca!

Dopo la rete i viola tentano di riacciuffare il pareggio, ma un’attenta difesa e un’ottimo Amelia non si lasciano trafiggere dalle spntate frecce ospiti.

La gara si chiude dopo i quattro minuti di recupero concessi dal Signor Saccani tra gli applausi del pubblico di casa. Ben fatto grifoni!

 

Lille – Genoa 0-3

23 Ott

Un Genoa incontenibile espugna il Metropole di Lille. Un treazero perentorio, frutto di un dominio assoluto e di un gioco rapido, pochi passaggi e rapide verticalizzazioni.

Straordinario protagonista Sergio Floccari, autore di una leggendaria tripletta : tiro al volo da 35 metri, serpentina in mezzo a 4 avversari e perentorio colpo di testa. Il prode giocatore, uscito fra gli applausi dei deliziati avversari, pare già in orbita Inter : l’offertà sembrerebbe di 8 milioni di euro più i giovani Destro e Belec e l’altra metà del cursore montenegrino Fatic.

ultimo stadio

16 Ott

Nonostante il titolo non voglio parlare delle drammatiche condizioni in cui versa questo blog, che da quando c’è feisbuc siamo tutti lì a scrivere cretinate e giocare ai giochini e non troviamo più il tempo di aggiornare queste pagine di storia e gloria (che, lo sappiamo, manchi tu nell’aria).
Ecco, io vorrei soffermarmi un momento sulla spinosa e fumosa questione dello stadio nuovo..
..
..ecco fatto. Grazie per l’attenzione.

No, mi fermo ancora un po’, perché a me questa storia non sembra per niente pulita, e per aiutarvi a capire meglio le mie perplessitudini vorrei ripercorrere i punti salienti della vicenda. Le date non me le ricordo, casomai ce le potete aggiungere voi.

Tutto comincia un giorno di pioggia, freddo e minaccioso, quando il presidente di una squadra a righe decide che lui a Marassi la sua squadra con le righe non ce la vuole più far giocare, che quello stadio lì secondo lui non va mica bene, che non è adatto, che è vecchio, che è in centro, che anche il nome Luigi Ferraris ricorda le macchine da corsa e lui invece vorrebbe qualcosa di più evocativo allo sport che rappresenta, tipo Bottecchia, e che una squadra senza uno stadio adeguato è come un suo giocatore senza la bici: destinato al fallimento. Ne vorrebbe costruire uno nuovo superaccessoriato a Trasta, e chiede ai cittadini cosa ne pensano.

La risposta della città è variegata, i suoi sostenitori lanciano slogan di incitamento tipo "a Trasta Garrone e basta", mentre la parte rossoblù della tifoseria risponde con slogan che difendono la permanenza del Genoa a casa propria, tipo "a Trasta Garrone e basta", ma anche "hai voluto la bicicletta, ora pedala!".

Al di là di qualche battuta fra le opposte schiere non si registrano episodi rilevanti, il Comune fa presente che il Ferraris è una spesa che non ama accollarsi, Preziosi risponde che lui se lo comprerebbe anche, ma bisogna prima spostare il carcere.

Per un po’ non si sente più niente, la squadra di casa e quella di periferia continuano a dividersi lo stesso terreno, Milito gli fa quattro pere, il campionato finisce e tutto sembra concludersi.

Poi il Genoa va in Uefa. Improvvisamente lo stadio non è più a norma, e le deroghe per poter giocare le partite di coppa che fino a ieri rappresentavano la normalità diventano un problema gravissimo. Garrone si fa avanti un’altra volta e Preziosi a sorpresa lo difende, sostenendo che Genova non può permettersi due stadi. Cip e Ciop vanno dal sindaco a promuovere il nuovo impianto e tutti e due si strappano i capelli lamentando che uno stadio deve vivere tutta la settimana, altrimenti non può contenere i costi, che Marassi è inadeguato, che bisogna fare qualcosa; il petroliere in realtà capelli se ne strappa pochi, che con le braccia corte che si ritrova non arriva più su delle orecchie, ma dalla tasca estrae la sorpresa: un progetto bello pronto di uno stadio accanto all’aeroporto!

Pensate la comodità, dice, di poter raggiungere la gradinata direttamente in aereo ogni volta che il pilota sbaglia le misure dell’atterraggio! E che figata dover urlare ancora più forte per sovrastare il frastuono dei motori!
Sembra veramente un’idea geniale, in nessuna parte del mondo hanno pensato di costruire un impianto sportivo ad alta frequentazione vicino a un elemento delicato come un aeroporto, Genova si dimostra più avanti anche in questo!
Peccato che l’Enac, l’ente preposto a legiferare sul traffico aereo nazionale, rifiuti la proposta, adducendo scuse puerili come la sicurezza.
Eh ora! A Palermo l’aeroporto è attaccato a un monte, a Gibilterra lo attraversa la strada principale, e qui ci formalizziamo per cinquantamila tifosi!
Comunque lo stadio vicino all’aeroporto non si fa più. Il sindaco più antiestetico del pianeta, però, non ha alcuna intenzione di aspettare oltre, e insiste che lo stadio vada fatto, dove non si sa, ma bisogna farlo e basta. E lui/lei non ci metterà un centesimo, se lo dovranno pagare le società!
Garrone non si dà per vinto, e tira fuori dalla manica un altro asso, il progetto di un impianto avveniristico sulla collina della Colisa, a Campi. C’è già tutto, il terreno libero e acquistato, il progetto pazzesco, le strade da allargare, i tifosi contenti, i soldi.. La giunta comunale si esalta a vedere tutti quei bei disegnini, chiede se davvero ci metteranno anche il centro commerciale sotto, e le barriere che vanno su e giù? Fiiicooo! Insomma che si fa, il sindaco che ama pettinarsi col vinavil è d’accordo, i cittadini della zona sono entusiasti, che per fare lo stadio dovranno sfrattarli e immaginano di venire trasferiti in una zona migliore, non si sa quale, ma meglio che sotto il cavalcavia dell’autostrada ci vuol poco, va bene anche Mignanego.
L’unico che non ci sta più è Preziosi, che sente puzza di imbroglio e si tira indietro, che lui i giochi politici non li fa, che lo stadio di Marassi va bene, che se il sindaco che ci va giù pesante col solvente è d’accordo lui avrebbe già il progetto, che non è mica vero che uno stadio per una squadra sola costa troppo, che lui Marassi se lo manterrebbe volentieri, e poi il Genoa è sempre stato di casa lì, e vuoi mica trasferirlo, e spostatemi le carceri, e così siamo tornati esattamente al punto di partenza, c’è un presidente che vuole lasciare Marassi e ce n’è un altro che vuole metterci radici.

In mezzo c’è stata un sacco di politica, e diverse cose che non sono chiare, e che si possono riassumere grossomodo con una domanda: da tutti questi rigiri chi ci guadagna?
Cioè, uno stadio nuovo costa certamente di più della ristrutturazione del Ferraris, e la zona scelta imporrebbe la costruzione o l’adeguamento di infrastrutture ben oltre l’impianto sportivo: ci vogliono strade, parcheggi, bisognerebbe evitare di intasare una zona già parecchio congestionata di suo, soprattutto la domenica, e tutto ciò ha dei costi.
E poi com’è che il primo progetto, quello dell’aeroporto, ha avuto tempi di gestazione così lunghi, se c’era già quest’altro pronto in una zona che da subito è piaciuta a tutti? Non poteva presentarlo subito?
E anche Preziosi, che dice di non volere lo stadio, poi si, che non se ne può fare a meno, poi di nuovo no, e che lui non ci sta a fare politica, cos’ha fatto finora?

Genoa – Cagliari 0-1

17 Mar

Continua la pessima forma dei grifoni, sconfitti malamente in casa dal Cagliari.

Sarebbe facile accampare scuse come l’espulsione forse avventata, le numerose occasioni sbagliate, la rete subita quasi al termine della gara, le numerosissime assenze, il valore dell’avversario, imbottito, tra l’altro di tanti ex… ma mister Gasperini deve fare mea culpa e la società prendere le proprie responsabilità.

La gara, giocata in un Ferraris quasi irriconoscibile ha visto il Genoa combattere per la prima mezz’ora, creare qualche buona occasione ma nessun vero pericolo per gli avversari. Rimasti in 10 i rossoblù hanno generosamente continuato ad attaccare ma senza idee e spunti di bel gioco non hanno mai impensierito l’estremo difensore ospite. Nella seconda parte della ripresa, approfittando dell’uomo in più gli ospiti hanno premuto sull’acceleratore, fino a pervenire alla vittoria grazie al sempreverde Lulù Olivera.

Diciamocelo chiaramente, è il caso di lasciar perdere i sogni europei e iniziare a guardarsi dietro le spalle!

Monumento al Milito Ignoto

28 Gen
Dal nostro inviato
  incamera sua:
il Dott.Hardla

Se le statistiche non ingannano, e non si capisce quale motivo avrebbero di farlo, Milito è dannoso a questa squadra. Lo so, questa rischia d’essere un’opinione impopolare, ma i numeri parlano molto chiaro: nelle tre partite giocate senza il Principe abbiamo fatto bottino pieno, dal suo ritorno solo pareggi.

E poco importa che in queste due partite abbia segnato solo lui, due gol in 3 giorni, quando mi affezziono ad un’idea, per quanto stupida, difficilmente la cambio. Sono fatto così.

Prendete oggi, invisibile per 2/3 di partita, ma appena il Milan è crollato fisicamente, eccolo lì, il Milito Ignoto, a dare la sua zampata vincente. L’impressione è che sia tornato a giocare al 35% della forma, ma che sia un 35% coi controcazzi. Non corre, ma segna. Salta poco l’uomo, ma segna. Segna, ma segna.

Il Milan in formato Galacticos, beh, ci ha spaventato coi suoi nomi, coi dribbling di Kakà e Pato,  ma soprattutto ci ha spaventato con le sue punizioni, due legni con Pirlo, e una roba pazzesca del marito di Victoria Beckham. Poi però.

Poi però nel secondo tempo lo spice boy è poco spice e molto poco boy. Seedorf sbaglia tutto, Pirlo non esiste più, Kakà e Pato diventano all’improvviso fumosi e passano il tempo a rollarsi canne a bordocampo. E allora forse, anche perché già nel difficile primo tempo Thiago Motta aveva sfiorato il gol un paio di volte. E allora forse, perché magari non siamo molto pericolosi ma siamo sempre nella loro metà campo.

E allora forse perché poi il Milan cala ancora, e l’unico a stare in piedi a lottare è quello che, per meriti acquisiti nel tempo sui campi di tutto il mondo, avrebbe anche tutti i diritti di riposare un po’: il buon vecchio Maldini, in marcatura fissa su Milito. E allora forse metti che ci spostiamo un po’ in avanti, che iniziamo a crossare, a tirare, a correre, e gli altri sono sdraiati a boccheggiare.

E allora forse il gol del Milito Ignoto (fino a quel momento), beh, ci sta proprio, e il pareggio a San siro è sacrosanto.

E allora non ci sono cazzi, senza forse.

Genova – Spassky: 1-0

11 Gen

Esco di casa alle quattromenoventi, per andare allo stadio in macchina, che il pullman non si prende per cabala, e il treno se giochi alle sei non va bene. E’ una bella giornata, mancherà Milito, ma contiamo sul fatto che il Toro non è questo squadrone.
Alle quattro e venti ho lasciato Jack da mia mamma e sono già all’imbocco dela galleria di Genova Est, già fermo in coda. Che palle la coda, meno male che sono partito due ore prima, così avrò il tempo di cercare posteggio.
Beato della mia lungimiranza non mi preoccupo quando alle cinque meno un quarto sono appena fuori dalla galleria, e la coda prosegue ininterrotta fino al casello e oltre.
Quando arrivo in fondo alla strada e sono già le cinque passate, e non c’è un cazzo di posto fino a San Gottardo comincio a preoccuparmi un po’.
Cambio atteggiamento, se non posso lasciarla qui andrò a metterla in un garage a pagamento dalle parti della stazione, ma arrivarci non è semplice, e a venti minuti dalla partita sono ancora seduto in macchina, ancora imbottigliato nel traffico, ancora senza un’idea di dove parcheggiare, che anche il garage a pagamento è pieno.
Mi si profila chiara l’immagine di me che arranco nel traffico per un altro quarto d’ora come minimo, che aspetto un autobus per lo stadio, che arrivo verso la metà del primo tempo incazzato come un animale e che non mi godo nè la partita nè la giornata.

E se tornassi a casa? Potrei guardare la partita sul divano di mia mamma, mangiare la pizza in famiglia e tornarmene a casa se non soddisfatto quanto meno più rilassato.
Detto fatto mi infilo in sopraelevata, vengo giù in un paio di attimi e al sesto minuto del primo tempo sono già seduto senza le scarpe. Sul tappeto c’è Alessandro che gioca coi suoi pupazzi, sul divano accanto Claudio che non capisce un belino per la cataratta e il rincoglionimento e continua a chiedere "Chi u l’è quellu lì? Bastardu!"

Siamo ancora zeroazero, Olivera sembra un extraterrestre come col Chievo, la partita è spezzettata dai continui falli, non rimpiango affatto la mia decisione di tornare a casa.

Al diciottesimo viene battuto un calcio d’angolo e Biava insacca di testa, permettendo al piccolo Alessandro di imparare una lezione che gli sarà fondamentale nella vita: non passare la domenica con noi se non vuole farsi venire i vermi.

Il Genoa c’è, gioca veloce, Jankovic in area fa dei palleggi su un piede ostentando una tranquillità da allenamento, e si arriva alla pausa con tutto il pubblico soddisfatto.

Comincia il secondo tempo e subito Sculli ruba una palla sulla fascia, scatta in avanti, serve Jankovic solissimo e goooolllllllll!!!!

Novellino in panchina ripensa al 3-0 subìto l’anno scorso, e cerca di correre ai ripari:
toglie Ogbonna e mette dentro Colombo, ma la musica non cambia.
Allora toglie Bianchi, e fa entrare Stellone a cavallo. Niente da fare.
Toglie Barone e mette un plotone di bersaglieri, toglie Rosina e mette l’Afrika Korps coi carri armati e le jeep, ma il Genoa è ovunque. Li vedi correre in ogni lato del campo, coprire ogni zolla, saltano fuori da dietro la linea del centrocampo, dalla bandierina del calcio d’angolo, sono dappertutto!
Novellino adesso ha la faccia terrorizzata, guarda le gradinate, e sono piene di giocatori rossoblu con la palla fra i piedi, che spingono verso la sua porta. Anche la gabbia, settore degli ospiti, è invaso da maglie bicolore, e gli grida "Novellino esonerato Novellino esonerato, Novellino esonerato" bastaaaa!!! Novellino si butta nella buca della panchina, si va a nascondere dietro il suo vice gridando "mandali via! mandali via!", ma il suo vice non se ne accorge, ha gli occhi sbarrati, guarda la sua squadra annichilirsi di fronte alla spietatezza dei padroni di casa, e quando Thiago Motta, oltre a segnare il tre a zero, azzanna la testa del difensore avversario, capisce che stasera non perderanno solo la partita, questi demoni vogliono il loro sangue, e se lo prenderanno!!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: